Reperibilita' 24 ore 3663942538

IPOVITAMINOSI A TARTARUGA D’ACQUA

Scritto da:

Clinica Veterinaria Gaia

TARTARUGA D’ACQUA

IPOVITAMINOSI A NELLE TARTARUGHE D’ACQUA

 

L’ipovitaminosi A della tartaruga è la malattia che forse più frequentemente si può riscontrare nelle tartarughe acquatiche, specialmente quelle molto giovani, già dopo pochi mesi dall’acquisto.

La tartaruga che acquistiamo, altro non è che un soggetto neonato o molto giovane, il quale possiede sin dalla nascita all’interno del fegato una riserva di vitamina A sufficiente per circa sei mesi al suo fabbisogno. Dopo tale  periodo  la tartaruga d’acqua avrà bisogno di ottenere un apporto di vit. A con l’alimentazione.

E’ proprio una alimentazione scorretta la principale causa dell’ipovitaminosi A della tartaruga ed in particolare quella esclusivamente a base di gamberetti liofilizzati, quasi sempre consigliati dal negoziante come alimento adeguato e completo, quando in realtà rappresentano un cibo del tutto inadatto, perché appunto carenti di vitamina A.

Se infatti alimentiamo le tartarughe con i soli gamberetti, già dopo tempi variabili da settimane a mesi, inizieranno a manifestare i sintomi di questa malattia: la tartaruga appare con il passare dei giorni meno vivace, tiene gli occhi chiusi per periodi sempre più lunghi, gli stessi occhi si gonfiano e presentano materiale biancastro sotto le palpebre, presenta difficoltà respiratoria ( respira con la bocca aperta) e diminuisce il suo appetito fino a non alimentarsi più, il che può portare anche a morte l’animale.

SINTOMI:

  • Perdita progressiva della vivacità
  • Perdita progressiva dell’appetito
  • Occhi chiusi e/o gonfi
  • Difficoltà a respirare (respiro a bocca aperta)
  • Guance gonfie (ascessi auricolari)

 

TERAPIA:

  • Cambiamento radicale dell’alimento somministrato
  • Somministrazione di vitamina A
  • Copertura antibiotica (specialmente nei casi più gravi)
  • Ottimizzare l’ambiente dove vive la tartaruga ( temperatura, umidità, ecc…)

Se avete notato uno o più di questi sintomi, rivolgetevi al vostro veterinario o allo staff della Clinica Veterinaria Gaia Ancona che saprà indirizzarvi verso la terapia (alimentare e non) migliore per la vostra amica tartaruga. 
 

 

Post Footer automatically generated by wp-posturl plugin for wordpress.

Articoli interessanti :