Reperibilita' 24 ore 3663942538

Pasteurellosi

Scritto da:

Clinica Veterinaria Gaia

Condividi!


Il batterio più importante implicato nelle infezioni del coniglio è la Pasteurella multocida.

Molti conigli, sebbene non presentino alcun sintomo sono portatori di questo germe, che si localizza nelle prime vie respiratorie, nei polmoni, nella congiuntiva e nella vagina. La trasmissione avviene per contatto diretto (tra compagni di gabbia, al momento del parto dall madre ai piccoli o durante l’accoppiamento) o indiretto, per esempio tramite gli abbeveratoi, o ancora per via aerea (ma solo a breve distanza). L’infezione viagga dalle narici all’orecchio medio attraverso la tromba di Eustachio.

Dato che una alta percentuale di conigli è portatore sano di questa malattia, si presume che le cause scatenanti possano essere di tipo ambientale (cambiamenti di temperatura, umidità, scarsa igiene), fisiologiche (giovane età o età avanzata, gravidanza, allattamento) o genetiche. Alcuni conigli sembrano essere più forti di altri, e portano il virus per tutta la vita senza mai dare segni di malattia.

I più comuni sintomi sono:

  • RAFFREDDORE: riniti, sinusiti. Di solito il coniglio produce muco biancastro dal naso che imbratta il pelo delle zampe e del petto in quanto cerca con quello di pulirsi il naso. Le mucose possono essere arrossate (infezioni acute)o ingrossate e gonfie (infezioni corniche). La prognosi è abbastanza buona se la malattia è individuata per tempo.
  • PLEUROPOLMONITE: spesso i conigli muoino quasi senza sintomi, se non anoressia e depressione. Se la polmonite viene riconosciuta precocemente, una terapia forte a base di antibiotici può essere d’aiuto. La percentuale di guarigione è però bassa.
  • OTITE MEDIA O INTERNA: scarsi sintomi, se non inclinazione del capo (simile a quella riscontrata nell’Encefalotozoonosi), disturbo nella coordinazione dei movimenti e materia purulenta e biancastra all’interno di una o di entrambe le orecchie. Se trattato con antibiotici al primo apparire dell’inclinazione del capo, il coniglio ha una buona probabilità di ripresa e guarigione. L’inclinazione del capo può peggiorare o non scomparire nonostante la terapia.
  • CONGIUNTIVITE: le congiuntive oculari si presentano arrossate e c’è una secrezione lacrimale abbondante.
  • ASCESSI SOTTOCUTANEI E ALLA RADICE DEI DENTI: il coniglio appare anorressico, depresso, affaticato e dimagrisce.

I sintomi dell’infezione da Pasteurella non sono mai riscontrabili prima delle 12 settimane di età, a causa della presenza degli anticorpi materni e dell’incompleto sviluppo dei seni nasali del coniglietto.

Esiste un test sulle colture nasali e sul sangue per rilevare la presenza della Pasteurella anche se non sembra che abbia sempre una grande utilità: moltissimi conigli sono portatori sani di una o più varianti della malattia e sono quindi positivi al test, ma non necessariamente si ammaleranno se la loro immunoresistenza è buona.

La prevenzione è molto importante: una dieta ricca di fieno e vegetali freschi proteggerà il coniglio dalle infezioni rinforzando il suo sistema immunitario.


Come puoi contattarci

 

Prendi un appuntamento

Telefono
0712916334 3663942538

 Indirizzo
Clinica Veterinaria Gaia
via Primo Maggio 142
                       Ancona (Motorizzazione Civile )   
                                                                                                                                                        

 

Mandaci una email o whatsapp

clinicagaiavet@gmail.com

clinicagaiaoncologia@gmail.com 

Whatsapp 3663942538

Mandaci un messaggio con Whatsapp!

Condividi!